Calendario dalla Shell

25 09 2007

Questa estate ho passato un periodo lavorativo molto intenso ed improvvisamente mi sono accorto di essere in ritardo per le vacanze, ma non tutto era perduto, già… non è mai troppo tardi, soprattutto se hai una moglie ed una figlia che desiderano spiaggia, sole e mare anche più di te, quindi ecco che alla fine siamo riusciti anche noi a goderci il mare del Gargano, dove tra l’altro abbiamo scattato delle foto degne di un wallpaper Linux. Cosa c’entra tutto ciò con l’informatica? direi poco o nulla… se non fosse per il fatto che appena tornati a casa abbiamo iniziato a pensare alle vacanze passate, ed anche a quelle future, cercando di correre con il pensiero avanti e indietro nel tempo in un turbine di ricordi ed aspirazioni… ed è qui che entra in gioco: cal, un simpatico comando della Shell pronto ad accompagnarci nelle nostre scorribande temporali.

Grazie a cal è possibile visualizzare giorni, settimane, mesi ed anni, potendo così vedere in che giorno capiterà il tuo compleanno nell’ anno 2097 ehm… ho esagerato?

Si, forse è meglio passare a descrivere la semplice sintassi di questo utile comando, bene partiamo:

senza opzioni visualizza il giorno ed il mese corrente

$ cal [invio]

nell’esempio seguente, il primo numero è il mese mentre il secondo rappresenta l’anno

$ cal 1 2008 [invio]

con questo comando otteniamo lo stesso risultato del precedente, ma bisogna tener presente che cal è sensibile alla localizzazione, quindi i nomi dei mesi e dei giorni saranno visualizzati nella lingua di sistema predefinita… per vedere la lingua impostata è sufficiente digitare: $ echo $LANG [invio]

$ cal gen 2008 [invio]

il prossimo comando visualizza un trimestre (mese precedente, corrente e successivo)

$ cal -3 [invio]

con l’opzione -y si ottiene l’intero anno corrente

$ cal -y [invio]

mentre indicando 1918, si stampa a video il calendario dell’anno 1918

$ cal -y 1918 [invio]

la riga di comando seguente mostra la data giuliana… in pratica numera i giorni partendo da: 1 il primo giorno dell’anno e via a salire… molto utile durante il periodo militare 😉

$ cal -j [invio]

In Linux, esistono diversi programmi per la gestione dei calendari, e tra i più interessanti troviamo ccal, gcal, ncal e pcal, ma mentre cal è presente di default in tutte le distribuzioni, per gli altri il discorso potrebbe essere diverso, quindi se usiamo una Debian o derivate dovremo eseguire il solito:

$ sudo apt-get install ccal gcal ncal pcal [invio]

a questo punto non ci resta che provare anche i nuovi compagni di viaggio:

il comando seguente visualizza il calendario a colori

$ ccal [invio]

la prossima la dovete indovinare voi guardando l’output

$ ncal -e [invio]

per finire pcal che permette di realizzare delle cose stupende in un attimo

$ pcal > calendario.ps [invio]

Ovviamente questo è solo un piccolo stimolo a sperimentare le potenzialità di questi comandi, quindi armiamoci di curiosità,  digitiamo un bel:

$ man cal [invio]

e via a dominare il tempo… o quasi.

Toonik